“HAI IL DIABETE? NON PUOI FARE LA CAPOSTAZIONE.” FERROVIE ITALIANE CONDANNATE PER DISCRIMINAZIONE

Le avevano detto che non poteva fare la capostazione perché diabetica. La puntuale reazione della ragazza, Chiara, è stata quella di rivolgersi al giudice che le ha dato ragione. Si tratta di condotta di natura discriminatoria.

Le ferrovie italiane, o meglio RFI, la società per azioni che gestisce le infrastrutture ferroviarie, sono state condannate a ritirare l’atto che dichiarava l’inidoneità della ragazza. Rete Ferroviarie Italiane che attraverso la sua commissione competente aveva dichiarato l’inidoneità, dovrà inoltre rifondere 5mila euro alla ricorrente.

Si è così brillantemente conclusa la causa intrapresa da una persona con diabete fortemente penalizzata nelle sue aspettative lavorative e assistita legalmente dall’avvocato, anche lui con diabete, Michele Nannei, consigliere nazionale FAND- Associazione Italiana Diabetici, assistito dalla collega Tiziana Blengino. La ricorrente, Chiara, è iscritta all’ADG-Associazione Diabetici Genova.

Il giudice del lavoro di Genova, Margherita Bossi, ha così reso giustizia non solo alla ricorrente, ma a tutte le persone che fino ad oggi erano state discriminate da RFI, società non nuova a simili accadimenti. Già in passato, infatti, si erano verificate esclusioni dai concorsi di persone con diabete.

Nel caso in questione, l’avvocato Nannei aveva chiesto di “accertare e dichiarare che la sua cliente è stata vittima di discriminazione in ragione del suo stato di handicap (diabete); disporre ed ordinare la rimozione dell’atto discriminatorio, il provvedimento del 3/9/2020 attestante la inidoneità fisica alla mansione di Capostazione; disporre la pubblicazione della sentenza su uno o più quotidiani a tiratura nazionale, condannare RFI al risarcimento del danno”.

Fondamentale è stato il fatto che la ricorrente non neghi di essere affetta da diabete, e sostenga, tuttavia, che le sue condizioni cliniche non sono ostative allo svolgimento delle mansioni di capostazione. L’ordinanza del Giudice del lavoro di Genova pone soprattutto l’accento sul fatto che una dirigente di traffico ferroviario o capostazione, anche se indossa un microinfusore di insulina o deve ogni tanto controllarsi la glicemia, di sicuro non è impedita nello svolgimento al meglio del proprio lavoro.

Stefano Garau“HAI IL DIABETE? NON PUOI FARE LA CAPOSTAZIONE.” FERROVIE ITALIANE CONDANNATE PER DISCRIMINAZIONE

Related Posts

“Fand per l’Ucraina” Iban per per i diabetici dell’Ucraina IT86T0503401706000000009999

La FAND Associazione Italiana Diabetici a seguito delle drammatiche notizie che arrivano dall’Ucraina dove si sta consumando una sanguinosa guerra che non risparmia nemmeno i civili, sentite le notizie che riguardano anche le persone con diabete colpite duramente dall’evento bellico, ha deciso di aprire un conto corrente per una raccolta fondi destinati ai diabetici dell’Ucraina.

“IO PERSONA CHE CONTA”. IL CORSO DI FAND SULLA CONTA DEI CARBOIDRATI.

Ottanta persone con diabete provenienti da tutta italia parteciperanno al Corso sulla conta dei carboidrati organizzato da Fand Associazione Italiana Diabetici. L’evento, attraverso cui la Fand da il via a una serie di manifestazione tese a formare le persone con diabete, prenderà il via venerdì prossimo 25 febbraio e andrà avanti fino a domenica 27

LEGA SERIE A E ASSOCIAZIONI PAZIENTI SCENDONO IN CAMPO PER IL DIABETE DI TIPO 1. Parte la campagna del palloncino blu “Con il Diabete di tipo 1, la partita non finisce al 90’”

Lega Serie A e Associazioni di pazienti, insieme, per la lotta al diabete di tipo 1, con il palloncino blu. Un’iniziativa dedicata alla sensibilizzazione di questa patologia, che in Italia colpisce oltre 300 mila persone, dal titolo “Con il diabete di tipo 1 la sfida non finisce al 90°” e che vedrà, in occasione della