Notizie

Concluso il corso Diabetico Guida organizzato dalla Fand Associazione italiana diabetici

“Straordinario successo per il primo corso Diabetico Guida organizzato dalla Fand Associazione italiana diabetici a cui hanno partecipato circa 70 persone e conclusosi da pochi giorni” a comunicarlo, in una nota, il Presidente Nazionale FAND – Associazione Italiana Diabetici, Emilio Augusto Benini.

“Sono particolarmente orgoglioso di questo straordinario risultato– continua la nota –perché è stata una importante occasione per formare persone, all’interno dell’associazione, in grado di poter dare un valido contributo nell’educazione all’autocontrollo e all’autogestione del diabete”.

Il corso, articolato in 9 incontri, della durata ciascuno di circa 60 minuti è stato riconosciuto dalla Società Italiana di Diabetologia e dalla scuola di formazione Associazione Medici Diabetologici. Quest’ultima provvederà a fare la parte nel test finale attraverso un questionario è un incontro conclusivo in webinar.
“Nonostante la situazione di grande emergenza – prosegue Benini – la formazione, è stata al centro dell’attività associativa grazie anche alla modalità a distanza che ci ha permesso di dare continuità ed operatività alla nostra mission. Ringrazio i corsisti/volontari che si sono distinti per dinamismo e generosità, i docenti/formatori per la preziosa collaborazione offerta in ogni fase del corso e tutto il gruppo di lavoro che ha permesso questo successo”.

Milano, 11.04.2021

Corso diabetico Guida

screen shot

Cst 09-04-2021 Fand Nazionale e Associazioni Fand Lombardia

Giacomo TrapaniConcluso il corso Diabetico Guida organizzato dalla Fand Associazione italiana diabetici

Related Posts

Retinopatia diabetica e demenza: quale correlazione? L’IRCCS MultiMedica recluta candidati per lo studio Recognised

Un progetto di ricerca a cui partecipano i Centri Europei d’eccellenza – tra cui il Servizio di Retina Medica del Gruppo MultiMedica – per un obiettivo comune: utilizzare l’occhio come una finestra sul cervello, per poter diagnosticare precocemente un eventuale deficit cognitivo nei pazienti diabetici. Lo studio potrebbe aprire la strada a nuove terapie di prevenzione della demenza e individuare biomarcatori per la valutazione precoce e non invasiva della malattia.

Diabete, il futuro è in una iniezione di cellule. Il nuovo progetto veneto parte da Padova

NOTA STAMPA “Una bellissima notizia per i malati diabetici veneti che andrebbe esportata in tutte le regioni italiane – è quanto dichiarano in una nota congiuntail Presidente Nazionale FAND, Emilio Augusto Benini e la portavoce diabetici Veneto, Manuela Bertaggia. “Nei giorni scorsi infatti – continua la nota – è stato presentato il Progetto Veneto per