Notizie

La telemedicina in Piemonte a che punto siamo

NOTA STAMPA

Si è tenuto giovedì 25 febbraio, un webinar dal tema “La Telemedicina in Piemonte” organizzata dalla Fand di Chivasso in collaborazione con il Coordinamento regionale delle associazioni con diabete in Piemonte.

All’incontro ha preso parte il Presidente Nazionale Fand, Emilio Augusto Benini il quale dopo aver ringraziato gli organizzatori Antonio Del Vecchio, Presidente Fand Chivasso e Ezio Labaguer responsabile del Coordinamento regionale delle associazioni con diabete in Piemonte e componente ufficio di presidenza nazionale Fand, ha ribadito il forte impegno dell’associazione per rafforzare lo strumento della Telemedicina.

“La telemedicina – ha evidenziato il Presidente- non è una telefonata o uno scambio di un messaggio tramite le varie app in uso oggi, ma rappresenta un sistema integrato di informazioni e una diversa modalità di erogare servizi sanitari. Ad esempio è possibile integrare le cartelle cliniche dei pazienti quando si effettuano prestazioni sanitarie con i referti e i risultati che si ottengono consentendo poi ai medici di poter intervenire tempestivamente e direttamente nelle cure eventualmente da somministrare. Un modo dunque per rendere più agevoli ed efficaci prevenzione, diagnosi e il trattamento degli assistiti”.

“La FAND – ha concluso il Presidente – intende per il futuro essere protagonista autorevole per progettare e supportare le Istituzioni, affinché si persegua questo nuovo modello di “sanità connessa”, grazie anche al protagonismo ed attivismo delle diverse realtà territoriali FAND che con queste iniziative svolgono una importante attività di sensibilizzazione”

Milano, 02.03.2021

 

Emilio Augusto BeniniLa telemedicina in Piemonte a che punto siamo

Related Posts

Retinopatia diabetica e demenza: quale correlazione? L’IRCCS MultiMedica recluta candidati per lo studio Recognised

Un progetto di ricerca a cui partecipano i Centri Europei d’eccellenza – tra cui il Servizio di Retina Medica del Gruppo MultiMedica – per un obiettivo comune: utilizzare l’occhio come una finestra sul cervello, per poter diagnosticare precocemente un eventuale deficit cognitivo nei pazienti diabetici. Lo studio potrebbe aprire la strada a nuove terapie di prevenzione della demenza e individuare biomarcatori per la valutazione precoce e non invasiva della malattia.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments