Accordo Integrativo Firmato in Piemonte Fand è soddisfatta.

NOTA STAMPA

“Esprimiamo grande soddisfazione per l’accordo integrativo firmato nei giorni scorsi in Piemonte tra la Sanità regionale e i rappresentanti delle Organizzazioni sindacali dei Medici di medicina generale” – lo dichiarano in una nota congiunta il Presidente Nazionale FAND, Emilio Augusto Benini e il Coordinatore delle Associazioni di persone con diabete e su genitori di minori con diabete in Piemonte Valle d’Aosta, Ezio Labaguer. “

L’accordo ribadisce il ruolo cardine dell’Assistenza Primaria nell’assistenza territoriale, attraverso il potenziamento delle attuali forme associative di “medicina di gruppo” e di “medicina di rete” dei medici di medicina generale. Messi a disposizione dal 1 gennaio 2021, oltre 35 milioni di euro.  

Da tempo, come FAND, – continua la nota – sosteniamo la necessità di favorire prestazioni sanitarie omogenee e modelli di assistenza sul territorio più vicino ai bisogni dei cittadini oltre che una sempre più forte collaborazione tra Istituzioni politiche, associazioni e medici. 

“Entra così nel vivo – concludono Benini e Labaguer – un modello di sanità vicino ai cittadini e con il valido supporto di medici di famiglia in gruppo o in rete organizzata con risorse utili a fornire servizi adeguati. Auspichiamo, da parte dell’assessore alla sanità piemontese, un coinvolgimento attivo del coordinamento delle Associazioni di persone con diabete al fine di fornire un utile contributo nella progettualità del piano che richiede sicuramente, per il futuro, un monitoraggio dei frutti dell’accordo”.

Milano, 13.07.2021   

Giacomo TrapaniAccordo Integrativo Firmato in Piemonte Fand è soddisfatta.

Related Posts

Retinopatia diabetica e demenza: quale correlazione? L’IRCCS MultiMedica recluta candidati per lo studio Recognised

Un progetto di ricerca a cui partecipano i Centri Europei d’eccellenza – tra cui il Servizio di Retina Medica del Gruppo MultiMedica – per un obiettivo comune: utilizzare l’occhio come una finestra sul cervello, per poter diagnosticare precocemente un eventuale deficit cognitivo nei pazienti diabetici. Lo studio potrebbe aprire la strada a nuove terapie di prevenzione della demenza e individuare biomarcatori per la valutazione precoce e non invasiva della malattia.