Ministero della Salute

Appoggio agli appelli per la tutela degli insegnanti fragili con patologie croniche e di alunni e docenti con familiari fragili

No comments
Alla cortese attenzione
- Ministri Speranza e Azzolina
- ViceMinistri Sileri e Ascani
- Prof. Ricciardi, Prof. Crisanti
e Membri del C.T.S.
- Presidente Confederaz. Stato/Regioni/Province Autonome
 
e p.c. Presidente del Consiglio Conte
e p.c. organi di stampa


LORO SEDI
 

OGGETTO: Appoggio agli appelli per la tutela degli insegnanti fragili con patologie croniche e degli alunni e docenti con familiari fragili

Stimatissimi tutti,

preoccupati per l'ormai prossima, e necessaria, riapertura della scuola, che vedrà coinvolte molteplici fragilità nei suoi componenti (alunni, insegnanti, famiglie, personale ATA), ci facciamo portatori presso le Vostre Istituzioni, Confederazioni e il Comitato Tecnico Scientifico di una forte e sentita istanza affinché - nella stesura delle linee guida per il nuovo anno scolastico 2020-2021 - venga da Voi posta in essere la massima attenzione alla sicurezza e alla salvaguardia di tutte queste persone variamente 'fragili'.

In allegato trovate le lettere che abbiamo ricevuto da gruppi molto consistenti di soggetti con fragilità, o con familiari fragili, coinvolti a vario titolo nel mondo nella scuola, con le richieste da loro avanzate e alcune ipotesi di soluzioni formulate per cercare di assicurare a tutti il sacrosanto e fondamentale diritto allo studio, ma sempre nel prioritario rispetto della tutela della salute di ognuno.

Dal canto nostro, ci mettiamo a Vostra disposizione, sia per discutere della questione sia per offrirVi, qualora lo vogliate, la nostra esperienza riguardo a una patologia cronica, quale è il diabete, estremamente pericolosa in caso di co-morbilità (come potrebbe avvenire per il contagio da Covid19). Il lungo percorso da insegnante e Preside di Istituto Superiore del nostro Presidente, che firma la presente istanza, ci fa anche approfittare dell'occasione per perorare, una volta di più e come da più parti di nuovo oggi si chiede, il ritorno del medico, o di un infermiere specializzato, in ogni plesso scolastico o Istituto del nostro Paese; una figura, questa, che molto aiuterebbe nella primaria gestione delle emergenze che dovessero comunque presentarsi.

Certi della Vostra sensibilità a quanto esposto, salutiamo distintamente. In fede

Prof. Albino Bottazzo
Presidente Nazionale

FAND - Associazione Italiana Diabetici

 

wp_8339982Appoggio agli appelli per la tutela degli insegnanti fragili con patologie croniche e di alunni e docenti con familiari fragili
Leggi tutto

Scelta Libera tra DaD e DiP in coll.ne con Associazioni per le Malattie Croniche e Rare ALOMAR E FAND – COMUNICAZIONE

No comments

Ben conscia dell'importanza della scuola per il tessuto sociale e il futuro del nostro Paese, la scrivente FAND-Associazione Italiana Diabetici, il cui Presidente Albino Bottazzo vanta una lunga carriera scolastica culminata in molteplici anni da Preside di Istituto, appoggia sentitamente la presente richiesta, che ritiene utile a integrare al meglio le linee-guida per la ripresa della scuola con i minori rischi possibili per tutti, nel rispetto del diritto allo studio di ognuno e della tutela della salute di ciascuno.

wp_8339982Scelta Libera tra DaD e DiP in coll.ne con Associazioni per le Malattie Croniche e Rare ALOMAR E FAND – COMUNICAZIONE
Leggi tutto

FAND chiede al Ministro On.le Roberto Speranza di reintrodurre nel LEA scarpe e plantari per piede diabetico

No comments

Il diabete è una patologia riconosciuta degenerativa e quindi in base al grado di invalidità che il paziente ha acquisito, la commissione medica gli riconosce una percentuale di invalidità civile.
In base al grado di invalidità e quindi di situazione patologica il paziente ha diritto ad esser seguito tramite la terapia ortesica a carico del sistema sanitario nazionale.
Negli ultimi anni a causa della spending review e ai tagli alla sanità le linee guida sono sempre in evoluzione e in restrizione a discapito dell’utente finale.
Il comune plantare ortopedico è una vera e propria terapia ortesica che ha tre funzioni: preventiva, curativa e conservativa.
La prevenzione è la prima cura che il piede diabetico deve ricevere, ma attualmente nella maggio parte su tutto il territorio nazionale, la prevenzione è a carico del paziente, quindi spesso e volentieri viene presa sotto gamba o esser trascurata.
La funzione curativa serve a curare il piede da eventuali sovraccarichi, calli o duroni o in casi estremi ulcere. Quindi il plantare ha una funzione meccanica atta a dare il giusto appoggio plantare del piede affinché questo possa lavorare correttamente.
La funzione conservativa è l’obbiettivo principale. Far sì che un piede diabetico non presenti alterazioni o sintomi quindi rimanga stazionario con una cute uniforme, è l’obbiettivo principale che gran parte viene svolto dal giusto plantare e dalla corretta calzatura.
Il plantare quindi, non è una banale soletta, ma è una terapia ortesica plantare, ovvero un progetto riabilitativo con cui il paziente diabetico deve imparare a convivere, con la consapevolezza che il problema c’è, ma spesso non si “sente” in quanto neuropatia diabetica e che l’utilizzo di un plantare su calco non è un business per chi lo “vende”, ma è un ausilio medico realizzato su misura con materiali marchiati CEE realizzato da esperti nel settore.

La FAND Associazione Italiana Diabetici ho scritto al Ministro On.le Speranza affinchè, per le ragioni sopra esposte, le scarpe ed i plantari tornino ad essere parte intergrante del LEA. Similarmente, anche in virtù dell'accordo stilato con Cittadinanzattiva, alla stessa abbiamo chiesto di sostenere questa nostra iniziativa.

wp_8339982FAND chiede al Ministro On.le Roberto Speranza di reintrodurre nel LEA scarpe e plantari per piede diabetico
Leggi tutto

Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza (LEA), DPMC del 17 Gennaio 2017

No comments

ARTICOLO 1

1. Il Servizio sanitario nazionale assicura, attraverso le risorse finanziarie pubbliche e in
coerenza con i principi e i criteri indicati dalla legge 23 dicembre 1978,n.833 e dal decreto 
legislativo 30 dicembre1992,n.502, e successive modifiche e integrazioni, i seguenti  ivelli essenziali di assistenza:
a) Prevenzione collettiva e sanita' pubblica;
b) Assistenza distrettuale;
c) Assistenza ospedaliera.

2. I livelli essenziali di assistenza di cui al comma 1 si articolano nelle attivita', servizi e prestazioni individuati dal presente decreto e dagli allegati che ne costituiscono parte integrante.

 

 

 

wp_8339982Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza (LEA), DPMC del 17 Gennaio 2017
Leggi tutto

Linee di indirizzo per la progressiva riattivazione delle attività programmate considerate differibili in corso di emergenza da COVID-19.

No comments

Si inviano, in allegato, le “Linee di indirizzo per la rimodulazione dell’attività programmata considerata differibile in corso di emergenza da COVID-19”, al fine di fornire indicazioni operative tenuto conto dell’attuale evoluzione della situazione epidemiologica sul territorio nazionale.

 

wp_8339982Linee di indirizzo per la progressiva riattivazione delle attività programmate considerate differibili in corso di emergenza da COVID-19.
Leggi tutto

Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute – Indagine conoscitiva sulla patologia diabetica in rapporto al Servizio Sanitario Nazionale ed alle connessioni con le malattie non trasmissibili

No comments

wp_8339982Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute – Indagine conoscitiva sulla patologia diabetica in rapporto al Servizio Sanitario Nazionale ed alle connessioni con le malattie non trasmissibili
Leggi tutto